LA ROMAGNA PERDUTA. Alla scoperta di sentieri e paesi dimenticati nelle vallate dell’alto e medio Appennino

Prezzi ridotti! LA ROMAGNA PERDUTA. Alla scoperta di sentieri e paesi dimenticati nelle vallate dell’alto e medio Appennino Ingrandisci

LA ROMAGNA PERDUTA. Alla scoperta di sentieri e paesi dimenticati nelle vallate dell’alto e medio Appennino

ISBN :9788865412329

Ferruccio Cortesi - Carla Iacono Isidori

Con grande dovizia di richiami storici e con un apparato fotografico d’eccezione, il libro ripercorre sentieri, dorsali di monti, valloni sperduti e visita castelli, chiese e conventi e framment di paesi che quasi non esistono più. E poi...

11,05 €

-15%

13,00 € IVA incl.

Social

Dettagli

Con grande dovizia di richiami storici e con un apparato fotografico d’eccezione, il libro ripercorre sentieri, dorsali di monti, valloni sperduti e visita castelli, chiese e conventi e framment di paesi che quasi non esistono più. E poi le strade appena segnate da antichi lastri
cati, quelle che hanno collegato in tempi lontani i fondovalle dei nostri Appennini, risalendo sui crinali che si affacciano su panorami sempre più ampi e dischiudendosi su orizzonti che tolgono il respiro e ci regalano ancora una volta la meraviglia e lo stupore.
Sono cinque gli itinerari: a) il crinale che da Rocca San Casciano conduce a Premilcuore, con una sosta quasi obbligata a San Donnino in Soglio, antica abbazia benedettina che ebbe una storia illustre nei secoli dell’Età di mezzo; b) il crinale meldolese tra il Bidente e il Voltre, dove si incontrano Castelnuovo, Montevescovo, Scardavilla e il “ricostruito” castello di Teodorano; c) la Val di Savio, tra Sarsina e il lago di Quarto; d) i dintorni di Premilcuore verso l’Alta Valle del Rabbi; e) l’Alta Valle del Savio e la Valle del Borello.
Ovunque, è un immergersi in una natura stupenda, con variazioni del verde a non finire; ma più ancora, lungo il viaggio, è un affascinante recupero di testimonianze e di documenti, che ci richiamano al Medio Evo, quando queste terre conobbero il dominio dei conti Guidi e di altre famiglie, e, soprattutto, l’opera dei monaci di Camaldoli.
Strade e sentieri, a volte sommersi da una prepotente vegetazione; ruderi di antiche costruzioni (chiese, conventi, case della povera gente); pagine di storia intorno a comunità perdute e qui tutte convocate per raccontarci la vita di altri tempi e d’altri luoghi, ora remoti e persin misteriosi: è la Romagna dimenticata, tuttavia tenace nelle sue memorie.
Di quando in quando, nel racconto, squarci di lirica bellezza che tornano a suggerire che vale la pena di mettersi in cammino…

I clienti che hanno acquistato questo prodotto hanno comprato anche:

30 altri prodotti della stessa collana: