I GHIBELLINI DEL MONTEFELTRO E DELLA TERRA DI ROMAGNA. Battaglie e gloria fra tante pellegrine spade

Nuovo Prezzi ridotti! I GHIBELLINI DEL MONTEFELTRO E DELLA TERRA DI ROMAGNA.  Battaglie e gloria fra tante pellegrine spade Ingrandisci

I GHIBELLINI DEL MONTEFELTRO E DELLA TERRA DI ROMAGNA. Battaglie e gloria fra tante pellegrine spade

ISBN :9788865419854

Carlo Dal Monte

Il viaggiatore che nel secolo dei Lumi raggiunse Urbino e passeggiò per le vie della città, abbracciato dal caldo riflesso del sole, dovette ammirare con innegabile emozione il rosso dorato delle storiche facciate e, forse, cercò d’immaginare come poteva essere la vita quotidiana degli urbinati nei tempi memorabili della loro grandezza. Dal vasto prato...

21,25 €

-15%

25,00 € IVA incl.

Social

Dettagli

Il viaggiatore che nel secolo dei Lumi raggiunse Urbino e passeggiò per le vie della città, abbracciato dal caldo riflesso del sole, dovette ammirare con innegabile emozione il rosso dorato delle storiche facciate e, forse, cercò d’immaginare come poteva essere la vita quotidiana degli urbinati nei tempi memorabili della loro grandezza. Dal vasto prato antistante la trecentesca Fortezza Albornoz, il suo sguardo dovette spaziare sulla complessa e maestosa città e rimanere abbagliato, quasi disorientato, dalla visione del superbo Palazzo Ducale, germinato dal Rinascimento leggiadro e magnifico che caratterizzò il governo di Federico da Montefeltro.
Varcata la soglia dell’austero portale d’ingresso non poté non alzare lo sguardo sull’enorme volta del soffitto sorretto da colonne che parevano perdersi nell’infinito, e lungo la scalinata d’onore osservare intarsi, fregi, insegne araldiche e il busto marmoreo del duca Federico, mentre attente guardie seguivano i suoi passi e leggevano nei suoi occhi l’emozione di coloro che, per la prima volta, erano entrati in quel mondo fiabesco. Probabilmente già doveva sapere che gli artefici dell’ineguagliabile capolavoro erano stati i famosi artisti e architetti, Luciano Laurana e Francesco di Giorgio Martini, il primo, un dalmata che aveva infuso grazia e bellezza alle forme architettoniche del Palazzo, il secondo, un senese poliedrico assunto dal duca per terminarlo e dotarlo dei migliori confort dell’epoca.
Il viaggiatore cercò d’imprimere nella mente e nel cuore  le immagini di un mondo in cui aleggiava ancora il respiro del grande Federico, un’esperienza irripetibile che avrebbe certamente affidato al diario del suo gran tour italiano.
Il sole doveva essere vicino al  tramonto quando, in sella al suo cavallo, riprese il viaggio. Per certo doveva portare nel cuore l’incanto della città, lo stesso che, mutato quel che cè da mutare, proveranno i lettori di questa storia straordinaria dei Montefeltro, rievocata con intensa passione da Carlo Dal Monte.

I clienti che hanno acquistato questo prodotto hanno comprato anche:

30 altri prodotti della stessa collana: