Collane>Vicus>Il Passatore. Le imprese brigantesche di Stefano Pelloni nella Romagna ottocentesca

Prezzi ridotti! Il Passatore. e imprese brigantesche di Stefano Pelloni nella Romagna ottocentesca Ingrandisci

Il Passatore. Le imprese brigantesche di Stefano Pelloni nella Romagna ottocentesca

ISBN :9788865413166

Remo Ragazzini - Marzio Casalini - Roberto Casalini

Seguendo la storia del Passatore, qui raccontata con agile passo narrativo, il lettore non soltanto avrò cognizione di un personaggio straordinario, di una efferatezza senza paragoni nell’epos del brigantaggio romagnolo, ma anche avrà il quadro memorabile della Romagna di metà Ottocento, così fosco e terribile – nella violenza dei grassatori,...

11,90 €

-15%

14,00 € IVA incl.

Social

Dettagli

Seguendo la storia del Passatore, qui raccontata con agile passo narrativo, il lettore non soltanto avrò cognizione di un personaggio straordinario, di una efferatezza senza paragoni nell’epos del brigantaggio romagnolo, ma anche avrà il quadro memorabile della Romagna di metà Ottocento, così fosco e terribile – nella violenza dei grassatori, nella ferocia della legge, nelle campagne strette nella subordinazione e nella miseria – da apparirci in una lontananza infinita. L’immagine di una Romagna ribelle, politicamente appassionata, generosa e ardente, ha trovato nella figura del Passatore una delle sue rappresentazioni più fortunate, determinando l’assurdo di una regione che trova un suo emblema in un brigante del tutto privo di ideali e di slanci sociali o pre-risorgimentali. Il mito ha sue proprie ragioni, per le quali vive autonomamente dalla storia, in un altra dimensione: audace ben oltre la temerarietà, capace di sfuggire per anni alla caccia spietata della gendarmeria pontificia e dell’esercito austriaco come un’imprendibile primula rossa, Stefano Pelloni non poteva non apparire alle masse, rese taciturne da una secolare soggezione e da un’immobile miseria, come la vivente possibilità del riscatto. Chi in notti avventurose penetrava nelle città e le occupava “militarmente” diceva al cenciaiolo e al ciabattino, al villico e al mendicante che era dunque possibile rompere il cerchio ferrigno dello status quo, introdurre nella fatale sequenza dei giorni e delle stagioni un’anomalia e una rottura. Nel tempo chiuso della Romagna ottocentesca, alla fantasia delle classi soggette il Passatore apparve per questo in una luce leggendaria. Dandone conto, e contestando le fantasie dei mitografi, il libro intende raccontare la vera storia del Passatore – per suo conto straordinaria – senza abbandoni alla mistificazione della leggenda.

I clienti che hanno acquistato questo prodotto hanno comprato anche:

30 altri prodotti della stessa collana: