Collane>Ursa Maior>Frutti dimenticati frutti indimenticabili. Tradizione, biodiversità, cucina

Prezzi ridotti! Frutti dimenticati frutti indimenticabili. Tradizione, biodiversità, cucina Ingrandisci

Frutti dimenticati frutti indimenticabili. Tradizione, biodiversità, cucina

ISBN :9788865414873

Graziano Pozzetto

I Frutti Dimenticati ricordano quella ruota della vita che non ha smesso di girare su se stessa e scricchiola senza fermarsi. Contengono alcuni ricordi infantili, evocano una natura fuori e dentro il tempo, colgono nomi e fiori e bacche, e rappresentano una civiltà che dopo aver perso memoria di sé, converte il lutto, la perdita in rivalsa e in uno strano...

14,37 €

-15%

16,90 € IVA incl.

Social

Dettagli

I Frutti Dimenticati ricordano quella ruota della vita che non ha smesso di girare su se stessa e scricchiola senza fermarsi. Contengono alcuni ricordi infantili, evocano una natura fuori e dentro il tempo, colgono nomi e fiori e bacche, e rappresentano una civiltà che dopo aver perso memoria di sé, converte il lutto, la perdita in rivalsa e in uno strano piacere dal gusto acidulo e dolce, sconosciuto.
Ieri, poi oggi, e quelle cotogne, quelle sorbe tornano all’attenzione, producono una nuova letteratura. La ruota gira, e per studiarne il moto ineguale, quello di una infinita spirale che si avvolge e si riapre, ci sono le pagine di Graziano Pozzetto tutte impresse con i piedi piantati in terra, nella medesima terra di Romagna. Ma forse oltre che una ruota è una macina nella quale vengono triturati i frutti, i prodotti, i cibi e i loro nomi per farne scrittura, per restituirli al piacere o al rimpianto dei lettori.
I Frutti Indimenticabili preparano un nuovo esercizio di memoria destinato a risvegliare gli insonnoliti consumatori di una piadina sigillata nel cellophane e marchiata IGP, e a vellicare i sensi curiosi di altri alla caccia di richiami sensoriali. Così la ruota riprende lentamente, scricchiolando, girando lenta, a muovere il tempo, verso un tempo che farà tesoro dei ricordi e li tradurrà in esperienze vive. Quale premio toccherà al vecchio lettore? Quale all’ultimo, giovane? È detto in questo libro. Un frutto: una piccola nespola, gialla e ovale, tenera in bocca, e, sputati i noccioli, grata alla gola e ancor più al cervello [dalla presentazione di Alberto Capatti].

I clienti che hanno acquistato questo prodotto hanno comprato anche:

8 altri prodotti della stessa collana: